95 tablet alle medie di Gradara e Gabicce

Feb 10, 2015 by

95 TABLET ALLE PRIME MEDIE DI GRADARA E GABICCE GRAZIE ALLA BCC DI GRADARA

Un momento della consegna ai ragazzi della scuola media di Gradara

Un momento della consegna ai ragazzi della scuola media di Gradara

Consegnati sabato scorso ai 95 studenti delle classi prime della scuola secondaria di primo grado di Gradara e Gabicce Mare i tablet che saranno utilizzati nel progetto didattico digitale ARGG!
Si tratta di un progetto innovativo, ideato dal Comune di Gradara e dall’Istituto Scolastico Comprensivo G. Lanfranco in collaborazione con il Comune di Gabicce Mare, l’Università di Urbino e la Polizia Postale, dipartimento delle telecomunicazioni, reso possibile grazie al fondamentale contributo della Banca di Credito Cooperativo di Gradara.
I ragazzi, durante il loro triennio scolastico, utilizzeranno i tablet affiancandoli agli abituali libri di testo, sperimentando innovativi approcci didattici predisposti dagli insegnanti con il supporto dell’Università degli Studi di Urbino.
“Le Amministrazioni Comunali di Gradara e di Gabicce  – afferma il Sindaco di Gradara Franca Foronchi – la Direzione Scolastica e la BCC di Gradrara rinnovano l’impegno iniziato 3 anni fa con la nascita di ARGG e la volontà di portare avanti un progetto che ha reso le scuole di Gradara e Gabicce Mare un punto di riferimento a livello nazionale per la sperimentazione di innovative tecniche didattiche”.

Un momento della consegna ai ragazzi della scuola media di Gabicce Mare

Un momento della consegna ai ragazzi della scuola media di Gabicce Mare


“Le iniziative legate alla cultura e al mondo giovanile sono quelle alle quali la banca presta maggiore attenzione – afferma il presidente Fausto Caldari – poiché quando si parla di giovani si parla del nostro futuro. La BCC di Gradara crede fortemente nella cultura, poiché sappiamo che un cittadino che si coltiva culturalmente, che sta bene in salute e trova intorno a sé le strutture adatte, lavora e produce di più e dunque crea ricchezza”.

Related Posts

Tags

Share This

468 ad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *